Ritorno a scuola?!?

Il ritorno a scuola può essere fonte di stress per molti bimbi, riprendere i ritmi di studio non sempre è facile. Ma se lo stress non fosse causato solo dal rientro in classe, ma anche da un deficit visivo?!? Molti bambini non sono in grado di esprimere una difficoltà visiva o per vergogna non lo fanno volontariamente. Spesso deficit visivi o alterazioni della motilità oculare (causate debolezza di uno o più muscoli oculari) incidono sull'attività scolastica e/o vengono confuse con altri disturbi dando l'avvio ad iter terapeutici non sempre idonei. Per questo con il ritorno a scuola sarebbe opportuno effettuare una valutazione visiva per mettere in luce eventuali difficoltà e seguire il percorso giusto per correggerle! Per info: 339.44.353.07 ...e Buon Anno Scolastico a tutti!!

Leggi tutto

Importante!!!!!!

Durante uno screening è arrivato un piccolo paziente di 3 anni. Il papà non mi ha riferito alcun disturbo, il bambino era simpatico, chiacchierone, gioviale, si muoveva nell'ambiente in maniera idonea..e non mostrava alcun tipo di disagio. Questo bambino aveva un visus di 5/10 in un occhio e 1/10 nell'altro. All'esame delle dottrie di difetto è emerso un astigmatismo medio/elevato in un occhio più che nell'altro. Scrivo perché tanti genitori quando portano i loro bimbi mi dicono: "ma lui/lei vede bene"; "non ha problemi di vista". NON SI PUO' DETERMINARE A CASA SE UN BAMBINO VEDE BENE OPPURE NO! Non possiamo affidarci alle parole del piccolo o alle prove casalinghe. L'unico metodo per valutare se un bambino vede bene o meno è effettuare una valutazione ortottica o una...

Leggi tutto

Esotropia congenita accomodativa

Paroloni che servono per definire un tipo di strabismo convergente (l'occhio va verso il naso) di cui l'EsotropiaAccomodativa rappresenta la forma più comune nei bambini, conseguente a un’iperattività del riflesso di convergenza associato all’accomodazione. È uno strabismo convergente provocato dallo sforzo che gli occhi fanno per vedere a fuoco. I bambini affetti da questa forma di strabismo sono ipermetropi. Questo significa che gli occhi devono esercitare un grosso sforzo accomodativo per vedere nitido, particolarmente per vicino. Un effetto collaterale dell’accomodazione è la convergenza. Perciò, in linea generale, maggiore è l’ipermetropia maggiore è lo sforzo accomodativo e il rischio di sviluppare l’esotropia. Tuttavia non tutti gli ipermetropi diventano strabici. Alcuni sono, infatti, più sensibili di altri allo sforzo accomodativo. Nella maggior parte dei casi è dovuta interamente ad un...

Leggi tutto

Difetti visivi?!?

Ma come fa un bambino nei primi anni di vita ad esprimere un disturbo visivo? Semplicemente...non può! Un bambino non ancora verbale non potrà in alcun modo manifestare una difficoltà visiva. L'unico modo per valutare e quantificare eventuali deficit è quello di rivolgersi ai professionisti preposti: Oculista ed Ortottista. Con strumenti innovativi e valutazioni oggettive (che non necessitano di risposte da parte del paziente, ma solo di osservazione dell'operatore) è possibile determinare la presnzap di difetti visiva già a partire dai 6 mesi! Per info e valutazioni contattatemi anche via wathsapp al 339.44.353.07

Leggi tutto

Test di autovalutazione

Si tratta di un semplicissimo test di autovalutazione da sottoporre ai vostri bimbi! Intanto, procurarci un disegno semplice, colorato e familiare per il bambino (un albero, una casa, una palla, ecc). Mostratelo al bambino con entrambi gli occhi aperti. Poi chiedete al bambino di chiudere un occhio e domandate se il disegno è uguale a prima (Più grande? Più piccolo? Più o meno colorato? Deformato?). Dopo avere registrato la risposta per il primo occhio fate lo stesso con il secondo. Se il bambino nota differenza tra i due occhi è importante sottoporlo ad una visita approfondita oculista ed ortottica per escludere la presenza di AMBLIOPIA (occhio pigro) e/o altre alterazioni visive. Per info o approfondimenti non esitate a contattarmi! Sono sempre reperibile via mail e via wathsapp per...

Leggi tutto

Screening presso ambulatorio medico pediatrico Il Girotondo

Finalmente sta per arrivare il grande giorno!!! Il 18 luglio si terrà la prima giornata di screening aperto a tutti i bambini presso l'ambulatorio medico pediatrico il Girotondo di Cairo Montenotte. Le dottoresse Silvia Zecca e Monica Nigro mi hanno affidato alcuni dei loro piccoli pazienti che nella giornata di giovedì prenderanno parte alla mattinata di valutazione e prevenzione visiva! Lo screening è lo strumento più efficace che possediamo per valutare i piccoli pazienti al fine di escludere la presenza di patologie o difetti di vista che interferiscano con il corretto sviluppo del canale visivo!  Ma attenzione: lo screening non sostituisce una visita ortottica ed  oculistica! State pronti, potrebbero esserci altre date!

Leggi tutto

Misurare le diottrie a partire dai 6 mesi di età

Ecco l'ultimo arrivato: uno schiascopio elettronico e portatile. Parole difficile per dire che si tratta di un misuratore elettronico delle diottrie di difetto dell'occhio che non richiede di rimanere appoggiati alla mentoniera né la piena collaborazione del paziente, permettendo così di valutare il difetto di vista a partire dai 5-6 mesi di età del bambino! La valutazione delle diottrie di difetto di vista è fondamentale per escludere difetti elevati che possano impedire un corretto e completo sviluppo del canale visivo, portando all'ambliopia (occhio pigro) irreversibile se non corretta in tempo. La valutazione con questo strumento è possibile in tutti i pazienti, bimbi e adulti, ma è particolarmente rivolta ai lattanti e ai bimbi sotto ai 3 anni, in cui la collaborazione è ancora scarica e risulta difficoltoso utilizzare...

Leggi tutto

Siete sicuri di sapere come vede vostro figlio?!?

L'immagine vi fa capire come vediamo noi miopi senza occhiali (eh sì, anche io sono una talpina senza lenti!). Immaginate che tutto quello che vedete da una certa distanza in poi sia uniformemente sfocato, non definito e privo di contorni. I colori non cambiano, non si tratta di nebbia, ma solo di sfocatura che, però, non permette di riconoscere i dettagli degli oggetti o delle persone troppo lontane. Per un adulto è facile dire :"vedo sfocato", ma per un bambino non sempre si tratta di una consapevolezza semplice. Soprattutto per bambini in età non ancora scolare capire di vedere male da lontano non è facile, inoltre molti non hanno mai percepito il mondo nitido, abituandosi a vivere in un ambiente in cui gli alberi non hanno le foglie,...

Leggi tutto

La degenerazione maculare senile

Negli ultimi anni l'aspettativa di vita media della popolazione europea è aumentata anche grazie all'avanguardia delle cure mediche, permettendoci di vivere fino ad oltre 90 anni, ma non senza conseguenze! Le cellule che compongono la retina (vere e proprie cellule nervose) invecchiano assieme al resto del corpo e uno scompenso tra gli equilibri retinici può portare alla comparsa della degenerazione maculare senile. Come suggerisce il nome compare solitamente dopo i 65-70 anni con un iniziale e a volte progressivo calo della vista da vicino. La degenerazione maculare sneilre non porta alla cecità completa, ma, nelle fasi più evolute, comporta una ridotta capacita di lettura e scrittura a causa di scotomi (macchie nere) come nella foto sopra. Per ovviare allo scotoma e riprendere a leggere si possono utilizzare ausili...

Leggi tutto

Una bella novità!

Finalmente lo studio si arricchisce di tanti nuovi giochi adatti anche ai più piccini; un bel tappettone e tanti cuscini per la costruzione del nuovo angolo morbido! Durante la stimolazione visiva di bambini con disabilità non soltanto visive è fondamentale creare un'ambiente favorevole che riduca al minimo li stimoli non visivi e che gli consenta di essere a proprio agio per rendere quanto più efficace possibile la risposta agli stimoli visivi proposti.

Leggi tutto